Streetfilms – Vedere per credere.

Lo scopo che ispira il Livable Streets Network, del quale Streetfilms è uno dei componenti, è quello di utilizzare le tecnologie della comunicazione del XXI secolo per creare un forte consenso al cambiamento delle nostre città in modo da renderle un posto più sicuro, sano e equo dove vivere, studiare, lavorare e giocare. Ma per far sì che ciò accada è necessario trovare il modo di far cambiare mentalità alla gente, portando di fatto una sfida al loro vecchio modo di pensare a proposito di come si debba vivere e spostarsi nella propria città. Con questo obiettivo in mente il network sta lavorando con una vastissima varietà di strumenti. Uno di questi è Streetfilms.

Punto di partenza del progetto è la convinzione che viviamo tempi nei quali ci sono parecchi modi diversi di raggiungere le persone, uno dei quali è la realizzazione di brevi filmati sul tipo dei milioni postati su You Tube. Per poter realizzare questo lavoriamo da una solida base di partenza, il Livable Street Network, già capace di raggiungere un’audience molto vasta e fornito di una solido supporto di progettazione web, nel quale è stata inserita una piccola squadra di giovani cineasti che passano la maggior parte del loro tempo a individuare i problemi e le possibili soluzioni all’interno della loro città, ma che sono anche disponibili a compiere visite in altre realtà urbane in tutto il mondo per documentare e condividere esperienze e contributi di avanguardia.


Se ci fosse solo un posto, un unico brillante approccio strategico che consentisse con un semplice trucco la trasformazione delle nostre città, questo metodo di lavoro peripatetico non sarebbe necessario. Ma viviamo in un mondo dove le distanze sono enormi e la varietà di caratteristiche della vita urbana amplissima. Questo significa che un giorno ci può essere un buon soggetto per un filmato nel Bronx, e il giorno dopo in Colombia o in India. E quando individuiamo questa opportunità, il nostro lavoro consiste nel afferrare le videocamere e recarci là dove il lavoro ci chiama a fianco delle persone che si stanno sporcando le mani per poter portare a termine con successo il loro progetto. In questo modo riusciamo a dare il nostro modesto contributo a comunicare il messaggio che ci preme – lavorando con budget ridotti all’osso e sempre con un forte sostegno locale.

Streetfilms è solo uno dei tanti progetti che in giro per il mondo stanno provando a dare questo tipo di contributo. E se un filmato è solo uno degli strumenti di cui disponiamo per aiutare la gente ad aprire ed eventualmente cambiare la loro mentalità, è però uno strumento che, in base alla nostra esperienza, può davvero funzionare. Articoli, conferenze e libri sono necessari, ma brevi filmati messi a disposizione gratuitamente ovunque sono parte della soluzione vincente.

E visto che funziona, per noi e per gli altri, raccomandiamo caldamente che questi sforzi di comunicazione e di condivisione ottengano un vasto sostegno internazionale da parte di individui, organizzazioni e amministrazioni pubbliche. In effetti, non pensate che dovreste fare una cosa come questa nella vostra città?

Stiamo aspettando il giorno nel quale avremo moltissimi agguerriti concorrenti in diverse città – perché se siamo qui per andare incontro alla sfida di una necessaria revisione dei nostri sistemi di trasporto, questo richiede tutti i nostri sforzi e anche qualcosa di più.

NB: di Streetfilms potete trovare un video sul sistema di Bus Rapid Transit parigino, sottotitolato (in maniera alquanto grezza ma tutto sommato efficace) da NM. Questo articolo è stato tradotto anche nella speranza di trovare persone interessate a fare lo stesso lavoro per il nostro paese, oppure a compiere il certosino compito da amanuensi del XXI secolo di sottotitolare i video di Streetfilms

References:

* Livable Streets
* Streetfilms

Contatti email:

Clarence Ericson, and Elizabeth Press
The Streetfilms Team,
New York, NY, USA

Rispondi