Ragazzi, mobilità e trasporti in Ghana, Sud Africa e Malawi

Il post di oggi è il primo di quello che speriamo possa essere una serie di articoli, idee e aggiornamenti sui problemi, le barriere, le risposte e l’ingegnosa arte di arrangiarsi che gli Africani, giovani e adulti sono spesso obbligati a sviluppare per risolvere i propri problemi.

La pubblicazione che qui vi presentiamo è stata finanziata dall’Africa Community Access Programme (AFCAP) per contribuire alla comprensione di come i ragazzi affrontano le quotidiane sfide del trasporto e della mobilità in tre Paesi africani. Problemi molto diversi da quelli affrontati dai ragazzi italiani, ma che hanno in comune con il nostro paese il problema dell’autonomia degli spostamenti di soggetti “deboli”. Là è limitata dalla mancanza di infrastrutture e da fattori culturali, qui è spesso ostacolata da quelle che si presentano a prima vista come delle “soluzioni”: basta pensare a quante automobili ostruiscono le strade intorno a una scuola negli orari di inizio e fine delle lezioni e al pericolo che creano.

Il progetto è servito anche a testare una metodologia a “due strati” centrata sui ragazzi e sui bambini, coinvolgendo ricercatori adulti e giovani: oltre alle tradizionali interviste con insegnanti, bambini, genitori condotte da ricercatori accademici, la ricerca portata avanti da bambini e ragazzi (facilitata dagli adulti) ha apportato un grossissimo contributo ai risultati.

Una condivisione delle esperienze tra giovani ricercatori del Ghana, del Malawi e del Sud Africa

Alcuni dei problemi più comuni affrontati da ragazzi e bambini che devono andare a scuola in Ghana, Malawi e SudAfrica sono legati alle lunghe distanze da perccorere e alle corvè domestiche che devono essere portate a termine prima di partire. Questo può comportare come conseguenze un ritardo e/o l’aspetto trasandato, considerati entrambi infrazioni punibili con punizioni corporali e lavori di fatica come l’estirpazione di erbacce. I ragazzi hanno anche paura degli animali selvaggi (serpenti e cani) e dei malviventi che possono incontrare per la strada.

L’Università di Durham ha condotto un progetto di ricerca dedicato a “Bambini, Trasporti e Mobilità in Ghana, Malawi e Sud Africa” concentrato su tra principali aspetti:

  1. Le limitazioni alla mobilità affrontate da ragazze e ragazzi nell’accesso ai servizi sanitari, educativi, commerciali e di altro tipo.
  2. Come queste limitazioni intralcino le possibilità di scelte di vita fondamentali, presenti e future.
  3. La mancanza di linee guida per contrastare queste difficoltà.

Scopo principale del progetto era quello di generare una conoscenza utile come riferimento che possa guidare il cambiamento nelle pratiche e nelle politiche dei trasporti, specialmente dove queste hanno un impatto per bambini e ragazzi sulle opportunità educative e di accesso ai servizi sanitari.

Il viaggio per prendere l’acqua:

A proposito dell’opuscolo:

Questo opuscolo è nato durante un seminario in Ghana, tenutosi alla fine del progetto di ricerca, al quale hanno partecipato alcuni dei giovani ricercatori provenienti dai tre paesi.

L’idea della sua pubblicazione è arrivata dai giovani stessi, che sentivano il bisogno di un medium per condividere la loro esperienza e i risultati della loro ricerca con un pubblico più vasto. Hanno lavorato duramente per settacciare i materiali che avevano raccolto, individuando i temi chiave che emergevano da ogni singola ricerca. Hanno anche portato delle loro riflessioni sulla loro esperienza di giovani ricercatori nei diversi contesti nei quali si sono trovati ad operare.

Il risultato rappresenta in gran parte il lavoro dei giovani. La maggior parte dell’opuscolo è stata scritta da loro con parole loro. Alcune parti sono state scirtte in collaborazione con facilitatori adulti, che li hanno aiutati a sintetizzare le loro idee. Gli adulti hanno talvolta aggiunto delle note a piè di pagina dove ne avvertivano il bisogno. Speriamo che possiate apprezzare il risultato e trovarlo utile.

Contenuti:

Prefazione a cura dei giovani: 4
Prefazione a cura degli adulti: 6
1.1. Andare a scuola 11
1.2. Andare al mercato, nei negozi e in città 12
1.3. Andare in un centro di assistenza sanitaria 12
1.4. Andare a prendere l’acqua 13
1.5. Andare a prendere legna da ardere 14
1.6. Andare alla fattoria 15
1.7. Andare al mulino a macinare il mais 15
1.8. Andare in chiesa 16
2.1. Cosa ci è piaciuto del progetto? 18
2.2. Quali difficoltà abbiamo incontrato? 20
2.3. Quali competenze abbiamo sviluppato e con quali conseguenze? 21
2.4. Difficoltà particolari incontrate dalle ragazze 23
2.5. “Sorprese” e cose inaspettate 24
3.1 Giovani ricercatori del Ghana (Foresta) 26
3.2 Giovani ricercatori del Ghana (Costa) 26
3.3 Giovani ricercatori del Malawi 27
3.4 Giovani ricercatori del Sud Africa 27
4.1. Interviste individuali 29
4.2. Discussioni e interviste di gruppo 30
4.3. Diari 31
4.4. Spostamenti accompagnati 32
4.5. Rilevazioni e conteggi sul posto 33
4.6. Immagini 34
4.8. Storie di vita

L’opuscolo è scaricabile qui:
http://www.ifrtd.org/new/res/children_mobility_book_webversion.pdf
(Acrobat pdf 2.2 MB)

Children, Transport and Mobility Project: http://www.dur.ac.uk/child.mobility/

La produzione dell’opuscolo è stata finanziata da AFCAP www.afcap.org

Autori:

Ghana: Cyril Agbley, Daniel Aidoo Borsah, Emmanuel Cornelius Ampong, Exinovsky Ntim Asare, Emmanuel Owusu Danquah, Evans Egyir, Euodia Kumi-Yeboah, Emmanuel Teye Owusu, Lawrencia Tabuaa, Charity Tawiah, Dorothy Tawiah, Victoria Yeboah.

Malawi: Manes Banda, Alie Bwanali, Tendai Chiwawula, Lawrence Godfrey, Mary Kamphangwe, Dalitso Kaunda, Gift Kawanga, Bernadetta Kuchonde, Christopher Lyson, Ludovicco Magola, Esther Malimusi, Christopher Mbeza, Anthony Merrick, Brasho Moff art, Towera Mwaungulu, Smart Ng’oma, Alinafe Ntewa, Tionge Phiri, Georgina Pwere, Thokozani Tembo, Nenani Thinbo, Micklina Welesani, Monica William, Tisunge Zuwaki.

South Africa: Nokulunga Bara, Poniswa Protect Chauke, Buhle Dambuza, Noluvo Diko, Xhalisile Elliot, Kholwakazi Joseph, Nthahla Kelem, Tholakele Kelem, Vuyiseka Keyisi, Esrom Kgapola, Hope Lehabe, Zintle Mapetshana, Nelly Mathebula, Nosiphiwo Mbanzi, Sannie Molefe, Matshidiso Motaung, Zimkhita Moyakhe, Mzoyolo Matsili, Ntlatywa Mlondolozi, Matthews Mothupi, Zanoxolo Mseswa, Thembinkosi Msimanga, Mandilakhe Mtambeki, Sinathi Ndamashe, Felicia Ntuli, Odwa Noraqa, Christina Ramongane, Noah Setshedi, Wisdom Shuma, Ncumisa Thungilizwe.

Rispondi