L’esempio al governo: a ognuno quel che si merita.

Non è la prima volta che portiamo l’esempio di qualche amministratore pubblico che in qualche maniera cerca di porsi come modello per i suoi elettori spostandosi in maniera sostenbile. Dopo le due segnalazioni sul sindaco di Berkeley che a 70 anni ha rinunciato al possesso dell’automobile e sugli Amministratori pubblici delle città olandesi che limitano pesantemente il parco auto a disposizione di Assessori e Sindaci è la volta del nostrano governatore della Lombardia che a cavallo di una Bianchi ci esorta a spostarci in bici.

Apprezziamo sicuramente lo sforzo di Roberto Formigoni, vedere un politico che dà il buon esempio, per quanto chiaramente limitato al tempo di uno spot, torna sempre utile alla causa.

Un consiglio: forse l’abbigliamento non è adeguato a pedalate che si protraggono oltre qualche centinaio di metri.

Una domanda: Presidente, che c’entra correre a piedi una volta alla settimana?

Una proposta: prendendo spunto dai paesi più calvinisti patria degli amministratori citati all’inizio del post perchè non va oltre lo spot sulla bici (troppo simile, ahinoi, ai pater noster recitati per ingiunzione del parroco che legittimavano il peccatore a perseverare sulla sua cattiva strada), riducendo il parco auto a disposizione della giunta regionale?

Al di là delle critiche, pensiamo che sia comunque una cosa molto utile che persone con incarichi di governo si prendano il disturbo, nella loro vita privata e/o professionale, di modificare in senso sostenibile le loro abitudini di spostamento. Se siete una di queste persone, fatecelo sapere, saremo lieti di pubblicare la vostra storia.

Rispondi