Prima Giornata Senz’Auto a Bombay

Si è svolta ieri in alcuni quartieri di Bombay la prima Giornata Senz’Auto della città, ispirata alle esperienze di Bogotà e New York. L’iniziativa, che copre tutto l’arco della giornata, è stata organizzata dalla fondazione Khar-Bandra-Santacruz (KBS), una ONG che promuove l’uso della bicicletta e degli spostamenti a piedi come un modo per migliorare ambiente e qualità della vita per i residenti della città. Seema Tiwari, consulente di KBS e già membro del Centro per il Trasporto Sostenibile in India, intervistata da TheCityFix.com ci spiega perchè le Giornate Senz’Auto sono importanti per la sua città e per la comunità globalizzata dei trasporti sostenibili.

TheCityFix: Come vi è venuta questa idea?

SeemaTiwari: Mentre lavoravo con EMBARQ all’avvio dell’ufficio indiano vivevo a Bandra. Nel tempo libero e durante i week end avevo preso l’abitudine di confrontarmi con le realtà locali che si occupavano di mobilità sostenibile. KBS apprezzò molto l’idea delle Giornate Senz’Auto e decise di organizzaren una a Bombay.

KBS era già impegnata nell’estendere la Carter Road Promenade, un esempio di utilizzo dello spazio pubblico nelle zone occidentali di Bombay. La strada è intensamente utilizzata dagli abitanti della zona per fitness e scopi ricreativi. Tra gli obiettivi di KBS c’è quello di spingere la gente a utilizzare la bici come mezzo di trasporto, per proteggere l’ambiente, per fare sport e per divertirsi.

KBS ha promosso l’idea della Giornata Senz’Auto nell’ambito di un progetto più ampio che prevede di istituire 15 km di piste ciclabili nel quartiere.

TCF: Qual è lo scopo della Giornata Senz’Auto?

ST: Gli obiettivi sono principalmente sei:

  • Rendere gli ambienti più puliti, più verdi e più gradevoli in modo da migliorare la qualità della vita in modo sostenibile;
  • Promuovere il trasporto attivo creando una cultura favorevole agli spostamenti a piedi e in bicicletta;
  • Creare un bisogno di piste ciclabili e zone pedonali attraverso la cittadinanaza attiva e il coinvolgimento delle comunità di residenti;
  • Migliorare la qualità degli spazi pubblici fornendo consigli al governo locale sulla costruzione di infrastrutture per la bicicletta come piste ciclabili, parcheggi per biciclette e relativa gestione;
  • Educare la comunità alla riduzione di gas serra e rendere i quartieri di Khar, Bandra, e Santacruz zone ad emissioni zero;
  • Proteggere e conservare le mangrovie e l’ambiente naturale presente nei quartieri.

TCF: conme si inserisce questa iniziativa nel panorama internazionale delle Giornate Senz’Auto?

ST
: Per l’organizzazione della giornata abbiamo studiato attentamente le esperienze di Bogotà e New York che sono state le fonti della nostra ispirazione. La differenze fondamentale è che queste due esperienze sono organizzate e finanziate dall’Amministrazione Pubblica, mentre a Bombay tutto è a carico di una ONG con finanziamenti privati.

In India la sfida è far capire al governo che i progetti urbani non sono solo questioni “tecniche” ma “socio-tecniche”. E’ importante che vengano accompagnati da campagne per una presa di consapevolezza pubblica dei problemi, come le Giornate Senz’Auto, attraverso le quali speriamo di favorire un cambio di abitudini nella gente che dovrebbe arrivare ad apprezzare ed utilizzare i servizi che la città mette a disposizione, piuttosto che ribellarsi contro i progetti di mobilità sostenibile dell’Amministrazione Pubblica.

TCF
: Quali sono le caratteristiche che rendono questo evento innovativo per Bombay e per l’India?
TCF: Explain how this is innovative for Mumbai, in particular, and India, in general?

ST
: Le varie iniziative progettate lungo l’arco della giornata sono molto locali, riferite alla realtà dei singoli quartieri, non rivolte a tutta la città. Associazioni sportive, cantanti di Bollywood, ristoranti, artisti, sono tutti coinvolti nella partecipazione. I politici locali, tra i quali un membro del Parlamento e un membro dell’Assemblea Legislativa, insieme ad alcuni personaggi famosi di Bandra partecipano in prima persona uscendo in bicicletta per il quartiere.

Inoltre la Giornata Senz’Auto verrà integrata da altre iniziative come la Mumbai Cyclothon, nella quale 4000 ciclisti attraverseranno Carter Road. Altri 10 ciclisti del Bangalore Cycling Club percorreranno i 1000 km che separano Bangalore da Bombay per promuovere l’iniziativa (si può seguire il viaggio su http://twitter.com/blrcyclingclub.

Il Maharashtra Pollution Control Board e l’Awaaz Foundation rileveranno i livelli di inquinamento acustico e atmosferico prima e dopo la Giornata Senz’Auto. I risultati promettono di essere molto interessanti.

Altri eventi organizzati durante la giornata prevedono yoga Tibetano, acrobazie con BMX, gare di cricket, lezioni di pranoterapia, esercizi di danza, pattinaggio, lezioni di alimentazione naturale, karaoke, esibizioni di aquiloni etc. La serata sarà caratterizzata da un concerto di musica poo di Shaan.

TCF
: Sembra divertente. Che risposta avete avuto finora?

ST
: Molto positiva. I membri di KBS hanno tenuto delle assemblee pubbliche con i residenti lungo Carter Road, per ottenere sostegno e collaborazione. La polizia locale e l’amministrazione pubblica in genere hanno offerto il loro aiuto. C’è stata anche molta attenzione da parte dei media.

TCF
: Che progetti avete per il futuro?

ST: Ci sarà una valutazione di punti di forza e debolezze emerse durante la giornate in modo da capire cosa cambiare in un’eventuale seconda iniziativa. Il progetto pilota verrà descritto in un report che sarà inviato al Ministero per lo Sviluppo Urbano e al Governo del Maharashtra. Le politiche dei trasporti urbani nazionali sottolineano chiaramente l’importanza di questo genere di eventi per la crescita della consapevolezza pubblica riguardo al problema della mobilità. Ci sono dei fondi a disposizione per queste iniziative che non sono ancora stati spesi. Ci piacerebbe che il Governo del Maharashtra possa in futuro organizzare delle Giornate Senz’Auto in tutta Bombay, come è già stato fatto a Bogotà e a New York.

KBS Foundation: organizzazione non profit laica composta da abitanti dei quartieri di Bandra, Khar e Santacruz unitisi allo scopo di promuovere iniziative a favore di una migliore qualità della vita e di un ambiente più pulito, più sano e più bello.

Articolo originale: http://mumbai.thecityfix.com/upcoming-event-mumbai-to-host-its-first-car-free-day/

###########

L’autrice:
Erica Schlaikjer è Managing Editor di TheCityFix.com e coordinatore del settore Informazione e Innovazione di EMBARQ, l’istituto mondiale delle risorse per il trasporto sostenibile, dove aiuta a gestire il crescente network di blog e siti web dell’organizzazione.

Articoli correlati:
Giornate Senz’Auto a Bogotà;
I Car Free Days per l’ecologia mentale

Rispondi