Honk! Morti sulle strade: a quando un registro?

Riprendiamo da Ilikebike questa notizia segnalandovi la registrazione, in calce al post, dell’intervista a Rudy Lewansky, docente di politiche dell’ambiente all’Università di Bologna. Spesso questi incidenti non trovano lo spazio che dovrebbero sulla stampa, a meno che non si tratti vere e proprie stragi (Lamezia Terme) o vedano il coinvolgimenti di bambini (Milano). Si potrebbe tenere un minimo di memoria storica come fanno i ciclisti newyorchesi che pubblicano tutti gli anni un articolo a memoria di pedoni e ciclisti che hanno perso la vita sulle strade della metropoli: http://nuovamobilita.wordpress.com/2010/01/26/in-memoriam/

9 nov – E’ morto sul colpo, Paolo Masotti, un ciclista bolognese di 67 anni, dopo essere stato sbalzato dalla propria bicicletta a seguito dell‘impatto con un’automobile. L’incidente è avvenuto intorno alle ore 15,30 alla rotonda di viale Europa, in zona fiera. Al volante della Ford Focus c’era una donna di 58 anni, portata all’ospedale, subito dopo l’impatto, in stato di shock.

Secondo i dati del comune di Bologna, sono 16 i morti del 2009 fra pedoni e ciclisti, 12 invece nel 2010.

Ascolta la voce di Rudy Lewansky, professore di politiche dell’ambiente alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna, ciclista e autore del libro “La sicurezza stradale”:

lewanski(low_definition)

Pubblicato da

Enrico

Enrico Bonfatti, dopo aver vissuto e lavorato nella industriosa Lombardia, si è ritirato oggi in una ridente frazione montana delle prealpi venete. Ha avuto il privilegio di poter sperimentare la vita senza il possesso dell’automobile per tredici lunghi anni. Ultimamente lo ha perso a causa del mutato contesto nel quale si trova a vivere e delle politiche di smantellamento del trasporto pubblico in atto ormai da diversi anni nel nostro paese e non solo. Ha dato vita a questo blog nell’ormai lontano 2009, spinto dalla necessità di preservare, per quanto possibile, il quartiere dove viveva dal quotidiano assalto delle lamiere.

Rispondi