Valutare la pedonabilità

Uno studio di S. Turner e S. Abley, di NZTA, “Predicting Walkability”, delinea una nuova metodologia per valutare la qualità degli ambienti pedonali. Quete nuove linee guida sono state realizzate utilizzando due precedenti metodologie: la valutazione della percezione degli ambienti urbani da parte delle persone come indicato dalle linee guida di NZTA  e la valutazione sistematica delle variabili fisiche ed operative di una strada urbana effettuata seguendo la metodologia esposta in  Walkability Research Tools – Variables Collection Methodology.

I principali risultati metodologici offerti dalla relazione sono riassunti in formule utili a determinare la qualità di un ambiente pedonale sia quando si cammina a bordo strada sia quando la si attraversa. Come dichiarato dagli autori, scopo del report era quello di colmare un vuoto di valutazione riguardante questa modalità di trasporto spesso trascurata.

Pubblicato da

Enrico

Enrico Bonfatti, dopo aver vissuto e lavorato nella industriosa Lombardia, si è ritirato oggi in una ridente frazione montana delle prealpi venete. Ha avuto il privilegio di poter sperimentare la vita senza il possesso dell'automobile per tredici lunghi anni. Ultimamente lo ha perso a causa del mutato contesto nel quale si trova a vivere e delle politiche di smantellamento del trasporto pubblico in atto ormai da diversi anni nel nostro paese e non solo. Ha dato vita a questo blog nell'ormai lontano 2009, spinto dalla necessità di preservare, per quanto possibile, il quartiere dove viveva dal quotidiano assalto delle lamiere.

Un pensiero su “Valutare la pedonabilità”

Rispondi