Cargo bikes, queste sconosciute.

Ieri si è tenuta a Milano e nell’hinterland la “domenica a spasso”, un’iniziativa programmata da tempo con obiettivi educativi e culturali, non una misura emergenziale che lascia il tempo che trova. Per la prima volta alla giornata hanno aderito anche numerosi comuni della cintura, segno di un serio tentativo di trovare soluzioni condivise a problemi che apparentemente possono porre in contrapposizione il capoluogo alla provincia.

Tra le numerose iniziative di carattere culturale e ricreativo che hanno caratterizzato la giornata di ieri ci piace segnalare questa piccola cosa organizzata dalla Stazione delle Biciclette di San Donato Milanese: la Cargo Bike Race. Le cargo bike possono essere parte integrante di un sistema di logistica urbana, e ancor di più a Milano che vedrà da gennaio l’introduzione della congestion charge che sottoporrà a pedaggio la quasi totalità dei veicoli a motore circolanti nel centro città. In Italia la scarsa diffusione di questi mezzi di trasporto li relega ancora al ruolo di elemento di folklore più che a quello che sarebbe loro più consono, ma pensiamo che anche grazie ad opportune campagne promozionali e alla attivazione di adeguate sinergie (come quelle potenzialmente derivanti dalla futura congestion charge) possano contribuire in maniera significativa alla mobilità delle merci ad emissioni zero e a ridotto consumo di territorio.

L’evento fa seguito al primo expo di cargo bike tenutosi in ottobre a Ferrara nell’ambito del progetto Europeo Cyclelogistics (www.cyclelogistics.eu), per promuovere il trasporto merci in bicicletta; qui sotto un servizio in proposito del TGR Emilia Romagna.

Cyclelogistics – Italian TV coverage from Copenhagenize on Vimeo.

Pubblicato da

Enrico

Enrico Bonfatti, dopo aver vissuto e lavorato nella industriosa Lombardia, si è ritirato oggi in una ridente frazione montana delle prealpi venete. Ha avuto il privilegio di poter sperimentare la vita senza il possesso dell'automobile per tredici lunghi anni. Ultimamente lo ha perso a causa del mutato contesto nel quale si trova a vivere e delle politiche di smantellamento del trasporto pubblico in atto ormai da diversi anni nel nostro paese e non solo. Ha dato vita a questo blog nell'ormai lontano 2009, spinto dalla necessità di preservare, per quanto possibile, il quartiere dove viveva dal quotidiano assalto delle lamiere.

Rispondi