Honk! Precedenze ai ciclisti anche a Londra.

Dopo le “rivoluzioni” belga e francese che consentono ai ciclisti di ignorare i semafori rossi in alcune situazioni, anche nella capitale britannica si cominciano a studiare soluzioni innovative per garantire una maggiore sicurezza stradale. Forse anche grazie alla pressione della campagna per la sicurezza promossa dal Times.

Transport for London ha intenzione di rivedere la viabilità di 500 incroci per miglirorare la sicurezza dei ciclisti. L’intenzione è anche quella di sperimentare un “verde anticipato” per i ciclisti ai semafori. Questa decisione segue il primo incidente mortale dell’anno che ha visto il coinvolgimento di un ciclista, che ha sollevato l’urgenza di miglioramenti alla sicurezza. Alcuni incroci molto congestionati della capitale britannica verranno analizzati prima della prossima estate, con lo scopo di introdurre delle modifiche prima dell’inizio dei Giochi Olimpici.

Secondo il Sindaco di Londra, Boris Hohnson “Stiamo assistendo a un cambio di passo nel modo nel quale le  persone scelgono di spostarsi,  ma anche nel modo nel quale i ciclisti vengono percepiti sulle strade. Per questo credo che dobbiamo far evolvere i modi nei quali gestiamo e progettiamo la nostra estesa rete viaria, quindi ho chiesto a TfL di rivedere centinaia di incroci della città valutandone la sicurezza e la adeguatezza ai ciclisti”.

Pubblicato da

Enrico

Enrico Bonfatti, dopo aver vissuto e lavorato nella industriosa Lombardia, si è ritirato oggi in una ridente frazione montana delle prealpi venete. Ha avuto il privilegio di poter sperimentare la vita senza il possesso dell'automobile per tredici lunghi anni. Ultimamente lo ha perso a causa del mutato contesto nel quale si trova a vivere e delle politiche di smantellamento del trasporto pubblico in atto ormai da diversi anni nel nostro paese e non solo. Ha dato vita a questo blog nell'ormai lontano 2009, spinto dalla necessità di preservare, per quanto possibile, il quartiere dove viveva dal quotidiano assalto delle lamiere.

Rispondi