Venerdì 11 maggio torna il Giretto d’Italia

In 27 città italiane si terrà venerdì 11 maggio la seconda edizione del Giretto d’Italia, il campionato italiano di ciclabilità urbana promosso da Legambiente, FIAB e Città in Bici con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Con l’obiettivo di aumentare il numero di ciclisti e ridurre le auto in circolazione, le città aderenti all’iniziativa hanno attivato misure promozionali per, almeno in questa giornata, far pedalare più persone per andare al lavoro o a scuola.

Le rilevazioni dei passaggi avverranno, infatti, tra le 7.30 e le 9.30 in tre varchi di accesso alla città distanti almeno 300 metri dagli ingressi al centro dove sussistono limiti alla circolazione dei mezzi a motore. Vincono le città dove si sono contate più biciclette in rapporto ad auto e scooter.

A Bologna la sfida a pedali si tiene anche tra i mobility manager aziendali che tra gadget e buoni premio dovranno convincere i dipendenti a cambiare abitudine di trasporto. A Ferrara (città vincitrice nella edizione dello scorso anno) è sceso in campo direttamente il Sindaco con maxiposter con la scritta: “Il primo cittadino usa la bici, e tu?”. A Pisa saranno distribuiti 150 buoni omaggio per la punzonatura delle biciclette per contrastare i furti mentre in altre città saranno offerti bonus-colazioni e biglietti per l’estrazione di premi.

Le città che si saranno meglio classificate saranno premiate a Ferrara il 25 maggio nell’ambito della Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia.
Per l’occasione sarà anche presentato il libro “No Bici” di Alberto Fiorillo (Ediciclo Edizioni).

Scarica la Locandina

da Cittainbici.it

Pubblicato da

Enrico

Enrico Bonfatti, dopo aver vissuto e lavorato nella industriosa Lombardia, si è ritirato oggi in una ridente frazione montana delle prealpi venete. Ha avuto il privilegio di poter sperimentare la vita senza il possesso dell'automobile per tredici lunghi anni. Ultimamente lo ha perso a causa del mutato contesto nel quale si trova a vivere e delle politiche di smantellamento del trasporto pubblico in atto ormai da diversi anni nel nostro paese e non solo. Ha dato vita a questo blog nell'ormai lontano 2009, spinto dalla necessità di preservare, per quanto possibile, il quartiere dove viveva dal quotidiano assalto delle lamiere.

Rispondi