La riduzione dell’uso dell’auto come punto di partenza di politiche sostenibili.

Quando parliamo di “mobilità sostenibile” ci riferiamo di solito alla costruzione e al miglioramento delle reti di trasporto pubblico, alla promozione degli spostamenti a piedi e in bicicletta e alla ricerca di soluzioni che rendano più efficienti le nostre automobili. Ma questo non è sufficiente. Per ottenere un sistema di mobilità davvero sostenibile bisogna ridurre il ricorso all’auto.

Non si tratta di una riduzione fine a se stessa. I costi sociali della guida potranno venire ridotti solo se guidiamo di meno. Parliamo di inquinamento, emissioni, traffico, perdita di tempo, incidenti, problemi di salute e occupazione di spazi pubblici. Questi sono i costi che l’uso eccessivo dell’auto impone alla società. A meno che gli automobilisti non si facciano carico dei costi che generano, tutti dovranno pagarli, il che è abbastanza ingiusto. Oltre a ciò i governi spesso sostengono il ricorso all’auto attraverso politiche pubbliche che rendono ancora più problematica la situazione investendo in infrastrutture automobilistiche.

Il primo passo verso una mobilità più sostenibile dovrebbe essere il riconoscimento del fatto che l’uso dell’auto è molto caro per chiunque. Solo in questo modo una sua riduzione potrebbe essere compresa come necessaria e complementare al miglioramento delle condizioni per pedoni, ciclisti e trasporto pubblico.

Questo video a cura di ITDP-Mexico e Emigre Film punta ad aumentre la consapevolezza dei costi nascosti dell’uso dell’auto e come questi condizionino le nostre città. E’ parte di un progetto più ampio sulla riduzione dell’uso dell’auto sponsorizzato dalla ambasciata britannica in Messico. Ulteriori informazioni sulla pagina web di  ITDP-Mexico.

Da This Big City

Pubblicato da

Enrico

Enrico Bonfatti, dopo aver vissuto e lavorato nella industriosa Lombardia, si è ritirato oggi in una ridente frazione montana delle prealpi venete. Ha avuto il privilegio di poter sperimentare la vita senza il possesso dell'automobile per tredici lunghi anni. Ultimamente lo ha perso a causa del mutato contesto nel quale si trova a vivere e delle politiche di smantellamento del trasporto pubblico in atto ormai da diversi anni nel nostro paese e non solo. Ha dato vita a questo blog nell'ormai lontano 2009, spinto dalla necessità di preservare, per quanto possibile, il quartiere dove viveva dal quotidiano assalto delle lamiere.

0 pensieri su “La riduzione dell’uso dell’auto come punto di partenza di politiche sostenibili.”

Rispondi