Honk! Italia in fondo alla classifica per tassi di motorizzazione.

Oggi un colpo d’occhio – in onore di Lapalisse, qualcuno dirà – sui tassi di motorizzazione dei paesi dell’Unione Europea. L’Italia risulta agli ultimi posti per quanto riguarda il numero di veicoli per abitante come il numero di veicoli per chilometro di rete stradale, rimanendo davanti solo a due piccolissimi stati come Malta e Lussemburgo.

È quindi assolutamente da mettere in conto una resistenza maggiore che altrove di fronte a proposte di modifiche dei nostri sistemi di trasporto che cerchino di favorire forme di mobilità diversa dall’auto e che in ambiente urbano si traducono spesso in programmi di riallocazione degli spazi a favore di pedoni, biciclette e trasporto pubblico. Non per questo non bisogna provarci. Anzi, questa situazione dovrebbe rappresentare un ulteriore stimolo a coinvolgere la cittadinanza nei tentativi di trasformazione dei nostri sistemi di trasporto.

Veicoli a motore per 1000 abitanti nell’Unione Europea. Non sono conteggiati ciclomotori e motocicli. Fonte: Wikipedia
Veicoli a motore per chilometro di rete stradale nell’Unione Europea. Fonte: Trading Economics

 

Un pensiero su “Honk! Italia in fondo alla classifica per tassi di motorizzazione.”

  1. Dire che l’Italia è agli ultimi posti come numero di veicoli per abitante sembrerebbe una cosa buona, si direbbe che sono poche. Invece mi piace questo modo di vedere le cose al contrario. La seconda tabella è ancor di più impietosa e fornisce l’esatta misura della congestione in cui viviamo.

Rispondi