Nuova mobilità: prendere sul serio il cambiamento climatico

In una conversazione su uno dei punti chiave delineati dal mio prossimo libro, “BETTER CHOICES: Bringing Sustainable Transport to Your City” — cioè l’importanza fondamentale del legame indissolubile che unisce trasporti e cambiamento climatico – mi è stato detto ieri da un malese ben dentro la questione che nessuno a Penang e in tutta la Malesia (e per quel che può importare, in qualunque altro luogo del nostro pianeta a corto di fiato) prende sul serio questo tema. Almeno non sufficientemente sul serio da essere indotto a prendere in considerazione la modifica delle sue scelte di trasporto quotidiane (che è proprio l’argomento centrale del mio libro).

Stando così le cose, sembrerebbe che il nucleo di tutto il mio lavoro di questi ultimi anni – trovare dei nessi creativi, con potenziali ricadute pratiche tra questi devastanti problemi innescati dal cambiamento climatico e le potenzialità di una riorganizzazione in senso sostenibile dei trasporti urbani – sia stato un po’ come una perdita di tempo del mio e del vostro tempo. Bè, tutti possono sbagliare.

Il “senso comune” (qualunque cosa esso sia) potrebbe suggerire che il mio amico abbia ragione e io torto. E, se così, perchè non cambio se non il mio lavoro, quanto meno la mia impostazione che insiste a trovare valide argomentazioni per collegare questi due temi? Dovrei, se ho ben inteso, diventare un “uomo ragionevole”. Come dice Bernard Shaw: “l’uomo ragionevole è colui che si adatta al mondo…”. Ecco quello che dovrei fare: adattarmi al mondo e smetterla nei miei tentativi di trovare dei collegamenti tra la lotta al cambiamento climatico e quello che io credo essere l’enorme potenziale curativo di una transizione verso un modello sostenibile di mobilità urbana.

Hmmmm. Una risposta provvisoria a questo dilemma è quella che segue: per verificare questa ipotesi nelle prossime settimane andrò a presentare la mia lettura della connessione tra trasporti e clima in almeno sei diversi incontri internazionali a Taiwan. Vediamo cosa mi verrà risposto.

Tenetevi in contatto.

############

Articolo originale: New Mobility, Better Choices . . . And Taking Climate Change Seriously

Eric Britton

Formatosi come economista dello sviluppo, Eric Britton è Managing Director di EcoPlan International, una rete non governativa di consulenza sulle politiche e i processi di decision making nel campo dell’innovazione tecnica e sociale e dello sviluppo sostenibile. Insegna Sviluppo Sostenibile, Economia e Democrazia all’Institut Superior de Gestion (Parigi). Fondatore di World Streets, i suoi ultimi lavori si concentrano sugli argomenti dell’equità, dell’economia e dell’efficienza nei trasporti urbani e negli spazi pubblici.

Rispondi