Mobilità: serve un cambio di paradigma.

di John Whitelegg
Questo breve contributo a un importante dibattito ormai di lunga data suggerisce di abbandonare il paradigma della mobilità e la sua sostituzione con qualcosa di più  intelligente, etico, salubre, responsabile fiscalmente e orientato alle persone. Il paradigma della mobilità è un fenomeno globale. Potremmo sostenere che nacque in Germania o nel Regno Unito, ma questo non è importante. Può essere definito come l’assioma indiscutibile che viaggiare sempre più lontano e sempre più veloce rinchiudendosi in diverse forme di mobilità ad alto consumo energetico sia una buona cosa per l’economia e il progresso umano. Questo è sbagliato.

Continua a leggere Mobilità: serve un cambio di paradigma.

Honk! Raccontate la vostra lentezza

Quando si parla di mobilità prima o poi si arriva sempre a parlare di viaggi. Tutti ne abbiamo fatto più di uno del quale serbiamo dei ricordi più o meno belli. Slowtravel è un’associazione culturale che promuove il viaggio lento “dando particolare enfasi… alle attività che permettano l’approfondimento della conoscenza della cultura, dei luoghi, dell’ambiente, dei prodotti, della storia e di tutto ciò che può contribuire allo scopo associativo;” (dallo statuto di ST).

Per questo ha promosso un doppio concorso, fotografico e letterario, per raccogliere i resoconti di viaggio degli slowtraveller che vogliano cimentarsi con la sfida della fotografia e/o del racconto. Continua a leggere Honk! Raccontate la vostra lentezza

Le 3R del trasporto urbano.

Mentre prosegue la corsa tecnologica verso l’automazione e l’elettrificazione dei veicoli, una nuova ricerca dimostra che aggiungere a questi due elementi l’introduzione massiccia della pratica di condivisione dei viaggi (in inglese ride sharing o carpooling, ndt) può ridurre le emissioni di gas serra dai trasporti di più dell’80% a livello mondiale. La ricerca “Three Revolutions in Urban Transportation,” ha analizzato queste tre possibili rivoluzioni nel trasporto urbano evidenziando che la loro introduzione può tagliare i costi dei veicoli, delle infrastrutture e delle operazioni di trasporto di più del 40%. Ancora un’altra analisi che sottolinea l’importanza di un cambiamento culturale a tutti i livelli senza il quale gli sviluppi delle tecnologie potranno fare ben poco.

Le tre rivoluzioni – cliccando sull’immagine si aprirà il link all’infografica in dimensioni originali.

Continua a leggere Le 3R del trasporto urbano.

A Bergamo tutti in auto in Città Alta (per almeno 30 anni)

Una storia che parte da lontano e che sa davvero da anni sessanta, quando si faceva di tutto per permettere alle auto, mezzo di trasporto di un futuro molto passato, di accedere ai centri urbani. Di solito qui a Nuova Mobilità tendiamo a “volare alto” tenendoci fuori dalle mischie che spesso si accendono su questo genere di problematiche ma questa volta, mosso anche da un legame personale con la città orobica, non riesco a resistere alla tentazione di segnalare questo pessimo esempio di gestione della mobilità urbana che ci arriva da Bergamo. Continua a leggere A Bergamo tutti in auto in Città Alta (per almeno 30 anni)

Autobus? No grazie, meglio una rete senza congestione.

 Il Labour Party neozelandese, attualmente all’opposizione, sta sostenendo l’istituzione di una “rete senza congestione” nella più grande città del paese, Auckland. Il concetto è stato messo a punto dal gruppo di attivisti Greater Auckland, ed ha lo scopo di porre l’accento sulla caratteristica che più di ogni altra è in grado di rendere affidabile il trasporto pubblico: la sua protezione dalla congestione provocata dalle auto con un solo occupante.

Continua a leggere Autobus? No grazie, meglio una rete senza congestione.

Honk! Verso gli Stati Generali della Mobilità Nuova

Il 15 e 16 settembre a Pesaro si svolgerà l’iniziativa Verso gli Stati Generali della Mobilità Nuova dal titolo “Muovere le idee per muovere le persone”, promossa da numerose associazioni che agiscono su questi temi.

L’evento – che segue gli Stati Generali della Mobilità Nuova a Bologna – si aprirà con un dibattito su ciclabilità urbana e ciclovie lungo i percorsi
della Bicipolitana di Pesaro. Nell’arco della due giornate verranno
affrontati i temi della qualità dello spazio pubblico e dei Piani Urbani
per la Mobilità Sostenibile. Continua a leggere Honk! Verso gli Stati Generali della Mobilità Nuova

Olanda, nuove tecnologie per una città lenta

dal Guardian

La casa di Noud Rommen dista dal negozio più vicino solo 100 iarde, ma per arrivarci, il 71enne con qualche disabilità deve attraversare una superstrada a sei corsie con un semaforo che gli concede un tempo di attraversamento molto breve.

“Se osservassi le regole potrei arrivare solo all’isola salvagente posta a metà dell’attraversamento prima che il semaforo torni rosso, e quindi chiamare nuovamente il verde e aspettare ancora” dice “Ma nessuno si adatta a fare questo, così si prova ad attraversare evitando il traffico. Non va bene, ma è quello che succede”. Continua a leggere Olanda, nuove tecnologie per una città lenta

Tariffe di parcheggio anche senza un buon trasporto pubblico?

Mi sono sentito rivolgere più volte questa domanda a Pune, in India, in occasione della mia visita all’inizio di giugno. La questione dei parcheggi è un tema caldo in questa metropoli di 5 milioni di abitanti del Maharashtra: molte vie di Pune presentano grossi problemi di parcheggio che l’Amministrazione della città intende affrontare con una riforma in attesa di approvazione fondata sul principio di far pagare all’automobilista il costo pieno del parcheggio che utilizza.

Tuttavia il trasporto pubblico di Pune non risulta attraente per i proprietari di automobili. Da qui la domanda. Continua a leggere Tariffe di parcheggio anche senza un buon trasporto pubblico?

Per una città lenta – I

I – Spunti per una riflessione

[Questo post è disponibile anche in formato EPUB]

I cinque pilastri

  1. CLIMA: il problema più urgente che minaccia la nostra società, il pianeta e il suo futuro in questo XXI secolo – al punto che qualunque decisione, azione o iniziativa in qualunque settore, mobilità inclusa, deve essere in grado di dimostrare con dati specifici ed accertati come è in grado di ridurre in modo significativo i gas serra;
  2. VELOCITÀ: rallentare in misura consistente il traffico su una vasta area per ridurre incidentalità e mortalità sulle strade, e allo stesso tempo ridurre le emissioni e migliorare la qualità della vita di tutti.
  3. VKT: ridurre l’ammontare dei Chilometri Vettura percorsi (VKT, Vehicle Kilometers Traveled) dai veicoli a motore nella stessa area;
  4. SPAZIO: ridurre lo spazio dedicato ai veicoli privati a motore in sosta o in movimento;
  5. TEMPO: predisporre pacchetti di misure a BREVE TERMINE e politiche che possano dimostrare miglioramenti concreti e misurabili nel periodo 2017-2020.

Continua a leggere Per una città lenta – I

Le superstrade ciclabili olandesi.

Si è tenuta dal 13 al 16 giugno nei Paesi Bassi l’annuale appuntamento internazionale di Velo-city, la conferenza dedicata al ciclismo urbano e alle sue ricadute. Streetsfilm non poteva non cogliere l’occasione per mostrarci una delle tante perle per pedalatori che si possono trovare nella nazione dove la bici regna sovrana: la superstrada ciclabile, qui spiegata dal direttore di Velo-city Sjors Van Duren. Continua a leggere Le superstrade ciclabili olandesi.