Congestione come politica. (Avete visto di peggio.)

Se la congestione sia “buona” o meno è una cosa. Ma quello che è sicuro è che in un modo o nell’altro la congestione è una politica, o per lo meno un’opzione politica. E in alcuni casi – molto probabilmente – un’opzione saggia.

Ora questo è stato detto molte volte da molte persone in molti luoghi, eppure, nonostante la sua saggezza incontrovertibile, il messaggio – a livello di decisori politici – continua a perdersi.

Quindi, in casi come questo, dobbiamo imparare da quelle brave persone che vendono iPhone e automobili e continuare a ripetere il nostro messaggio. Continua a leggere Congestione come politica. (Avete visto di peggio.)

Camminare a Bogotà

Sebbene il numero di spostamenti pedonali effettuati ogni giorno a Bogotà sia elevato (3.090.809), si può notare che sono stati pochi gli studi sulla condizione dei pedoni in città; uno condizione determinata a volte da una carenza di sicurezza sulle strade, dall’invasione dello spazio pubblico e da infrastrutture pedonali povere e deteriorate.

Questo documento è il prodotto di un processo di ricerca e consultazione di diverse fonti e di un’analisi critica e costruttiva da parte dei suoi autori. Obiettivo è quello di 1) sviluppare un’analisi approfondita che offra a un pubblico di professionisti e profani solide intuizioni sulle difficoltà, le sfide e le opportunità della mobilità pedonale in città e di 2) mettere a punto una serie di proposte volte a sostenere le politiche pubbliche a favore del benessere pedonale. Continua a leggere Camminare a Bogotà

Automobilisti come vittime (o democrazia in ritardo).

Automobilisti come vittime

Dopo un secolo di dominazione incontestata e incontestabile, di pace e appagamento, gli automobilisti di tutto il pianeta si trovano improvvisamente ad affrontare un processo di transizione verso un mondo molto diverso fatto di privilegi e limiti, leggi e imposizioni, regole economiche e tariffarie. E, ovviamente, dal loro punto di vista si considerano vittime perché vedono l’accesso automobilistico al loro territorio ridotto passo dopo passo a parti sempre più piccole del paesaggio urbano dove sono stati a lungo sovrani incontrastati. Continua a leggere Automobilisti come vittime (o democrazia in ritardo).

Honk! Lo zombie delle infrastrutture non dorme mai

Nell’ultimo numero di World Transport Policy and Practice una dozzina di esperti internazionali di altissimo livello lo smonta pezzo per pezzo, non senza dolore.

Potete scaricareWTPP qui: http://worldtransportjournal.com/wp-content/uploads/2017/12/23.3-4opt.pdf

 

 

L’emergenza climatica 2018-2020 . . . e la fiaba del colibrì

Un giorno, tanto tempo fa e in un luogo lontano, o così la leggenda dice, c’era un enorme incendio boschivo che infuriava sull’intera campagna. Tutti gli animali erano terrorizzati, giravano in tondo, urlavano, piangevano e osservavano impotenti il ​​disastro che stava avendo luogo davanti a loro. Continua a leggere L’emergenza climatica 2018-2020 . . . e la fiaba del colibrì

Newsletter del Victoria Transport Policy Institute, Autunno 2017

A seguire un estratto della nesletter del VTPI: una fonte di dati aggiornati e autorevoli per i ricercatori e i politici di tutto il mondo. Trovate l’originale completo in inglese a questo indirizzo. Buona lettura.

Il Victoria Transport Policy Institute è un’organizzazione di ricerca indipendente dedicata a sviluppare soluzioni innovative nel campo dei trasporti. Il loro sito web (http://www.vtpi.org ) mette a disposizione molto materiale riguardante un ampio spettro di tematiche nel campo della politica e della pianificazione dei trasporti. VTPI offre anche servizi di consulenza.

Continua a leggere Newsletter del Victoria Transport Policy Institute, Autunno 2017

Un’introduzione alla nuova economia circolare.

– Eric Britton, ISG, Paris, 15 November 2017.

Un programma aperto e collaborativo di ricerca politica.

All’interno dei nostri master di perfezionamento e consulenza su Sviluppo sostenibile, economia e democrazia stiamo facendo alcuni progressi nell’esplorazione delle interazioni tra Economia circolare e politiche pubbliche. Ecco come – a questo stadio molto precoce – si sta delineando il cammino che abbiamo davanti. Continua a leggere Un’introduzione alla nuova economia circolare.

Per una reindustrializzazione urbana

In Urban Re-Industrialization, il curatore Krzysztof Nawratek raccoglie i contributi di diversi studiosi per discutere gli elementi costitutivi dell’idea di ‘città creativa’ per superarla e andare verso quella che Nawratek chiama la ‘Città Industriale 2.0’. Mentre la natura e i contributi dei singoli saggi paiono talvolta mal distribuiti, si tratta di un lavoro caleidoscopico che raccoglie diverse linee di pensiero meritevoli di approfondimento.

di Frederik Weissenborn

Continua a leggere Per una reindustrializzazione urbana

Critiquing the Penang Transport Master Plan (2013-2030)

Mayllasia Penang blog top page - local traffic

The following strategic commentary appeared in the form of a long letter responding to an invitation by the chief transport planner of Penang with the State Government Office to comment on a strategic presentation and commentary he was about to make at end year in Kuala Lumpur reflecting back on the Penang Transport Master Plan (2013-2030) carried out for the State by Halcrow and AKC Planning and published in a final version in October 2-12. Mr. Lim’s commentary. Cross Roads, Game Changers & Bulls’ Horns, is available here.

Update. My quick six-point “Summer 2015 Executive Summary” follows:

Continua a leggere Critiquing the Penang Transport Master Plan (2013-2030)

From Nantes: Three Little Words to Shape the Future of Cycling

Philippe Crist - with bike but no nameWe are pleased to be able to share with you the speaking notes prepared by a friend of many years and emerging pillar on the international transport policy scene, Philippe Crist of the International Transportation Forum for his opening keynote address to this year’s Velo-City conference in Nantes.

Philippe, who for years has spent more than an hour each day peddling through Paris traffic to work at the OECD, takes a few steps back from the immediate concerns of the many workshops and events, and invites us to contemplate the big picture and hopefully in the process remember three words that he has chosen for the core of his presentation, three words that he proposes can help us understand, shape and support the future of cycling in our cites, smaller towns and rural communities around the world. The words are: Serendipity (stumbling on something important by keen eye and happy chance); the concept of Resilience; and the initially puzzling neologism “Supernormal”. To put this presentation to work, we invite you to review it in parallel enjoying the illustrated 12 minute video of his address which you will find at the Opening Plenary Part 3 at http://livestream.com/lacitenantes/Velocity2015/videos/89111933 (start viewing at 36:30).

Continua a leggere From Nantes: Three Little Words to Shape the Future of Cycling