Honk! Raccontate la vostra lentezza

Quando si parla di mobilità prima o poi si arriva sempre a parlare di viaggi. Tutti ne abbiamo fatto più di uno del quale serbiamo dei ricordi più o meno belli. Slowtravel è un’associazione culturale che promuove il viaggio lento “dando particolare enfasi… alle attività che permettano l’approfondimento della conoscenza della cultura, dei luoghi, dell’ambiente, dei prodotti, della storia e di tutto ciò che può contribuire allo scopo associativo;” (dallo statuto di ST).

Per questo ha promosso un doppio concorso, fotografico e letterario, per raccogliere i resoconti di viaggio degli slowtraveller che vogliano cimentarsi con la sfida della fotografia e/o del racconto. Continua a leggere Honk! Raccontate la vostra lentezza

Olanda, nuove tecnologie per una città lenta

dal Guardian

La casa di Noud Rommen dista dal negozio più vicino solo 100 iarde, ma per arrivarci, il 71enne con qualche disabilità deve attraversare una superstrada a sei corsie con un semaforo che gli concede un tempo di attraversamento molto breve.

“Se osservassi le regole potrei arrivare solo all’isola salvagente posta a metà dell’attraversamento prima che il semaforo torni rosso, e quindi chiamare nuovamente il verde e aspettare ancora” dice “Ma nessuno si adatta a fare questo, così si prova ad attraversare evitando il traffico. Non va bene, ma è quello che succede”. Continua a leggere Olanda, nuove tecnologie per una città lenta

Per una città lenta – III

Vendere la vostra buona ideaws-roadrage

[EPUB] Quanto è facile vendere pubblicamente e a tutti coloro realmente interessati questa idea di una politica della velocità più efficace e benefica per la città? Si tratta di una sfida molto impegnativa!

Non importa quali e quanto forti siano le motivazioni  – sicurezza, salute pubblica, equità, gradevolezza e molte altre – alla prova dei fatti tutti, noi inclusi, ci opponiamo al cambiamento soprattutto se questo influisce in modo importante sulle nostre vite quotidiane. Continua a leggere Per una città lenta – III

Per una città lenta – II

II – “Siamo gli inventori di un nuovo mondo, signore”

[EPUB] Per proseguire le nostre riflessioni sulla lentezza, vi segnaliamo questo breve video (80 sec) registrato nel 2006 da Robert Stussi, ingegnere e politico dilettante che ha lavorato in svariate città del mondo per diversi decenni su questi argomenti. Il video venne girato in omaggio ad Hans Mondermann, egli stesso un precursore della Città Lenta. Continua a leggere Per una città lenta – II

Per una città lenta – I

I – Spunti per una riflessione

[Questo post è disponibile anche in formato EPUB]

I cinque pilastri

  1. CLIMA: il problema più urgente che minaccia la nostra società, il pianeta e il suo futuro in questo XXI secolo – al punto che qualunque decisione, azione o iniziativa in qualunque settore, mobilità inclusa, deve essere in grado di dimostrare con dati specifici ed accertati come è in grado di ridurre in modo significativo i gas serra;
  2. VELOCITÀ: rallentare in misura consistente il traffico su una vasta area per ridurre incidentalità e mortalità sulle strade, e allo stesso tempo ridurre le emissioni e migliorare la qualità della vita di tutti.
  3. VKT: ridurre l’ammontare dei Chilometri Vettura percorsi (VKT, Vehicle Kilometers Traveled) dai veicoli a motore nella stessa area;
  4. SPAZIO: ridurre lo spazio dedicato ai veicoli privati a motore in sosta o in movimento;
  5. TEMPO: predisporre pacchetti di misure a BREVE TERMINE e politiche che possano dimostrare miglioramenti concreti e misurabili nel periodo 2017-2020.

Continua a leggere Per una città lenta – I

Per una città lenta: lo Slow City Reader.

Una Città Lenta è una visione dello sviluppo urbano e un obiettivo chiaramente quantificabile il cui primo passo consiste nell’ (a) azzerare gli incidenti urbani e i loro costi umani ed economici, attraverso la (b) riduzione delle velocità di circolazione di tutte le componenti del traffico. Questo dà alla città un obiettivo facilmente misurabile (numero degli incidenti e feedback raccolti da sistemi ITS localizzati sulle strade e all’interno delle vetture) a fini gestionali e valutativi e una piattaforma innovativa utile per sviluppare e servire altri progetti e programmi sostenibili coerenti con l’argomento. Continua a leggere Per una città lenta: lo Slow City Reader.

Vision Zero: gli incidenti non sono il problema principale.

Riportiamo oggi un’intervista a Matts-Åke Belin, esperto in sicurezza dell’Amministrazione Stradale Svedese, su “Vision Zero“, il rivoluzionario approccio al tema dell’incidentalità da traffico.

di Sarah Goodyear

Matts-Åke Beli ha una qualifica professionale che potrebbe apparire strana, ma che viene presa molto in considerazione nella sua patria, la Svezia: pianificatore della sicurezza del traffico. Svolge il suo lavoro nella Amministrazione Svedese dei Trasporti, nella quale ha avuto un ruolo chiave nella messa a punto della politica conosciuta come “Vision Zero”. Fin dal giorno della sua approvazione da parte del Parlamento Svedese nell’ottobre 1997, Vision Zero ha permeato l’approccio nazionale ai trasporti, costringendo i governi a gestire le strade e le vie della nazione con lo scopo principale della prevenzione degli incidenti gravi e mortali.

Continua a leggere Vision Zero: gli incidenti non sono il problema principale.